SEGUICI E CONDIVIDI

03-05-2021

E se la terza guerra mondiale fosse una guerra batteriologica? Lo scittore Franco Fracassi illustra la politica americana che ha costruito centinaia di laboratori militari identici a quelli di wuhan senza sottoscrivere la convenzione Onu che impone di consentire la verifica delle attivita’ che vi vengono svolte.




In questa trasmissione di cronaca di padre livio, il direttore di radio maria parla della prospettiva di una nuova guerra mondiale a seguito della pandemia. In particolare commenta un articolo della dorr.ssa Capua che dichiara apertamente che il coronavirus e’ un virus che puo’ essere tranquillamente prodotto da qualunque laboratorio. Per questo invita a produrre vaccini “agili” in grado di contrastare le future pandemie, dando per scontato che chi ha diffuso il primo virus potra’ diffonderne altri in futuro. In altri termini e’ ormai iniziata uma guerra batteriologica che non sappiamo quando finira’.




Di P F

Lascia un commento

Ti piace questo sito? Spargi la voce e condividi, grazie.