21-08-2021

Novità sull’ inchiesta portata avanti dalla Procura della Repubblica di Milano sulle mascherine ordinate dalla Regione Lombardia a una ex ditta di pannolini. Nel definire la vicenda come un “uso fallimentare dei soldi pubblici”, in quanto sono stati spesi 8 milioni di euro su dispositivi di protezione inutilizzabili, la Procura ha disposto l’archiviazione e trasmesso gli atti alla Corte dei Conti. Siamo allo scoppio dell’ epidemia in Italia, marzo 2020, quando la Regione guidata da Attilio Fontana ha commissionato in preda all’emergenza circa 18 milioni di mascherine alla società Fippi spa di Rho. Un acquisto ben presto rivelatosi rovinoso, come evidenziato anche dai consulenti tecnici del Pm: “Il disegno a bandana, e la mancanza di un supporto sagomabile ad appoggiare il naso, inficiavano la tenuta superiore dell’aria e rendevano pressoché impossibile l’utilizzo per chi portava gli occhiali”. Tuttavia nessun reato può essere contestato a fronte di un tale sperpero di denaro pubblico. Su questo elemento si è basata la riflessione di Fabio Duranti, ai microfoni di Stefano Molinari. Ecco il commento in diretta a Un Giorno Speciale.




27-06-2021

IL CANALE FRANCESE C NEWS DIRECT NELLA DIRETTA DEL 27-06-2021 HA TRASMESSO IL DISCORSO DEL CANDIDATO MUSILIER CHE CORREVA PER LE ELEZIONI REGIONALI: RAGAZZI PREPARATEVI E METTETEVI TUTTI LE MASCHERINE, CHE BISOGNA ANDARE IN ONDA A RACCONTARE A TUTTI UN PO’ DI FROTTOLE!!!

L’ennesimo “Teatro Politico” va in onda in diretta alla Tv francese

CLICCA IL LINK SOTTOSTANTE PER VEDERE IL VIDEO E ATTENDI QUALCHE SECONDO

https://rumble.com/vj6dwr-lennesimo-teatro-politico-va-in-onda-nella-tv-francese-in-diretta.html




31-05-2021

“La mascherina all’aperto è da beoti”. Poi Zangrillo asfalta la Gruber

L’esultanza di Zangrillo sul Covid: “Pronto soccorso vuoto, così abbiamo fatto la differenza”

Nuovi problemi per Berlusconi: ricoverato all’alba al San Raffaele. “Affaticato e sorretto da Zangrillo”

Giorgia Peretti 

Un Alberto Zangrillo tranchant è ospite nella puntata di lunedì 31 maggio de L’Aria che tira. Il programma di approfondimento mattutino condotto da Myrta Merlino su La 7, torna a parlare del decorso della pandemia e, dopo un lungo distacco dal piccolo schermo, il primario dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Generale e Cardio-Toraco-Vascolare dell’Ospedale San Raffaele di Milano, commenta il nuovo stato dell’emergenza non risparmiando nessuno. Indossare la mascherina all’aperto quando si è in solitaria non ha alcun senso e alla curiosità della conduttrice risponde così: “Se è sola sul lungo Tevere io dico: ma guarda quella poveretta che indossa la mascherina! Se è sola alle 6 o alle 7 del mattino perché dovrebbe mettere la mascherina? Perché l’ha sentito dire in televisione?  No, quando entra in banca, quando entra a lavoro o in farmacia mette la mascherina, come faccio io. Altrimenti no, è la differenza tra essere un popolo di stupidi di beoti e un popolo di persone responsabili. Probabilmente noi facciamo più presa se pensiamo di controllare un gregge di beoti, invece io mi aspetto molto di più dai miei concittadini”, dichiara con fermezza. Secondo il dottor Zangrillo l’unica strada per liberare il paese dal virus è imparare a conviverci: “Bisogna imparare a convivere con il virus, lo dicevo ad aprile dell’anno scorso. Noi non sappiamo se i vaccini ci copriranno da tutte le varianti che usciranno quindi noi dobbiamo affidarci con tutte le forze a tutte le osservazioni del caso e cura preventiva e immediata. Arriveranno le varianti, che facciamo quindi ci chiudiamo nel fortino? Questo significa aumentare le terapie intensive negli ospedali e aspettare che i malati poi diventino morti. Ci dobbiamo affidare alle intelligence e all’esperienza che abbiamo.”

Basta terrorismo mediatico, il lockdown serve ai virologi

Basta terrorismo mediatico, il lockdown serve ai virologi

Ma non finisce qui, perché Zangrillo si scaglia anche contro i colleghi troppo affezionati alla televisione: “Dobbiamo lasciare poco spazio ai frati indovini che a coloro che dicono una cosa e cercano di spararla prima degli altri con la speranza che poi si riveli quella giusta, in barba a quella che rappresenta la positività per i nostri pazienti per i nostri giovani per la comunità. Coloro che hanno trovato spazio nelle vostre trasmissioni del vostro presidente Cairo, sono persone che hanno speso molto del loro tempo mettendosi frettolosamente il camice perché si andava in onda e bisognava far vedere che si parlava dell’ospedale. C’è differenza tra chi il camice lo mette frettolosamente e chi lo indossa dalla mattina alla sera”. Il riferimento a Massimo Galli viene lasciato intendere dall’ospite ma prontamente sottolineato dalla Merlino: “Mi sembra che lei ce l’abbia con Galli”, “No io non ce l’ho con nessuno…”, risponde Zangrillo. Infine, la stoccata alla conduttrice di Otto e Mezzo, Lilli Gruber: “La politica è entrata nella gestione del virus in questi ultimi mesi? È colpa vostra. Non accadrà mai ma se io dovessi andare dalla dottoressa Gruber avrei il plotone d’esecuzione davanti. Invece, forse vengo da lei perché considero che è leggermente più buona, meno animosa nei miei confronti, io non sono né di destra né di sinistra.”

Zangrillo all'attacco: abbandono e cure sbagliate, ecco perché l'Italia va in rosso

Zangrillo all’attacco: abbandono e cure sbagliate, ecco perché l’Italia va in rosso

La Merlino tenta di difendere la collega: “Mi sembra difficile, è una professionista Lilli Gruber…”. Zangrillo continua: “No no, non è vero. Prima di tutto perché non sono mai stato invitato secondo perché qualcuno è sempre stato imbeccato, come ho detto prima ho dato da mangiare agli speculatori. Il problema è che bisogna essere persone serie e persone poco serie, non è questione di destra o sinistra. Ci sono persone che sentono e avvertono il peso della responsabilità del difficilissimo mestiere che portano avanti e persone che invece vanno a dissertare del più e del meno sulla base di quello che gli viene chiesto per vendere più pubblicità”, conclude durissimo Zangrillo.




20-03-2021

 Secondo alcuni studi negli stati uniti vi sono pochissime probabilita’ per chi ha gia’ contratto il virus oppure e’ stato vaccinato di reinfettarsi o avere conseguenze gravi dall’infezione. Un giornalista contesta Fauci che ritiene di dover estendere l’obbligo della mascherina per i prossimi due anni (!!! E perche’ non quattro o cinque!?) motivando questa necessita’ solo con rischi dovuti alla presenza di varianti del virus… La storia infinita del covid 19 viene appalesata gia’ ora, rendendo chiara l’intenzione di utilizzare il covid 19 per condizionare e sottomettere le popolazioni, le loro liberta’ e i diritti costituzionali.




19-05-2020

IN QUESTO VIDEO RISALENTE PIU’ O MENO A UN’ANNO PRIMA DELLA DATA DI QUI SOPRA, MORRIS SAN CI SPIEGA COME GLI ILLUMINATI CI AVVISINO, METTENDOCI DAVANTI AGLI OCCHI LA NUDA E CRUDA VERITA’ E SU COME CI INFLUENZANO, (IN QUESTO CASO LE GIOVANI LEVE) CI GUIDANO E INDIRIZZANO VERSO UNA CERTA DIREZIONE (LA LORO) CHE E’ QUELLA DI SOTTOMISSIONE, UBBIDIENZA, SENZA DIRITTO PENSIERO E PAROLA. (CLICCARE SUL LINK SOTTOSTANTE)

https://cdn.lbryplayer.xyz/api/v4/streams/free/gli-ulluminati-attraverso-la-musica/bba52b5b8331bc94abffb74f3a16056a412df11d/c15745




Di p f